L’Olio Italiano come il Petrolio

L’Olio e’ la risorsa più ricca che noi Italiani abbiamo, oltre ad essere la base della cucina mediterranea, senza l’olio extravergine d’Oliva non può’ esistere la Cucina Mediterranea Italiana, eravamo il primo produttore nel mondo di questo oro in tavola, spaventosamente per logiche comunitarie e per la mancanza di manodopera siamo costretti ad importare l’olio dai Paesi vicini, alterando così sia il vero gusto della nostra tradizione ma vendendo una cos per un’altra.
Il Ministero delle Politiche Agricole non ha ancora capito la ricchezza agroalimentare che abbiamo e che dobbiamo salvaguardare, siamo poco incisivi a livello comunitario, non si può non si deve scendere a patti quando la nostra economia e in bilico e vogliono stravolgere la nostra vera identità.
Dalle quote latte al tonno e altre parametri imposti al nostro Paese hanno praticamente distrutto la nostra vera risorsa in cambio di cosa di qualche contributo a fondo perduto, quanto in realtà abbiamo guadagnato e quanto abbiamo perso, tutto ciò siamo certi che ha portato ad un miglioramento della nostra economia.
Perche’ ci ostiniamo a non capire e a non accettare che noi Italiani siamo un paese venuto dalla terra e dalla terra abbiamo costruito la nostra identità, siamo cresciuti, almeno fino alla mia generazione, nelle campagne, oggi pochi sanno come piantare una piantina di pomodori, pochi sanno che per avere un buon olio deve essere raccolto non prima e non dopo, ma la momento giusto altrimenti si rischia di avere  o un olio troppo dolce e con molta acidità o un  olio praticamente come l’acqua, e’ il nostro petrolio, da sempre e noi stupidamente non diamo peso e importanza a questo ingrediente che continua ancora oggi far crescere milioni di persone.
Se facciamo un giro per l’Italia, anche attraverso le grandi autostrade ci rendiamo conto che e’ come guidare nel deserto, ambi i lati dell’autostrada, in particolare verso il SUD ci renderemo conto che milioni di chilometri di terreni abbandonati a se stesso, quelle terre che fino a mezzo secolo fa ci hanno sfamato col sudore della fronte dei nostri nonni, oggi noi tutti siamo laureati, tutti con giacca e cravatta, uno spuntino al volo, le giovani generazioni non sanno nemmeno cosa mangiano, ci stimo distruggendo, un giorno non poco lontano, mangeremo cibi fatti in un laboratorio, dimenticandoci i sapori, gli odori, questo e’ la vera fino del mondo.
Ritorniamo alla terra, il ministero delle politiche agricole invece di regalare fondi a Tizio e Caio, faccia una campagna di sensibilizzazione e programmi seri per il ripristino delle nostre terre, creando delle aziende agricole sotto il controllo dello stato, no e’ socialismo e’ Unita’ d’Italia e salvaguardia della nostra identità, la nostra terra che ci ha sfamato con il sudore non ci ha mai abbandonato, e li che aspetta di essere amata, coltivata, la natura come gli animali non si rivolta mai contro l’uomo se la si rispetta, il problema che forse noi abbiamo perso anche il rispetto di noi stessi, i giovani di oggi bastano che anno un telefonino, un palmare e un paio di occhiali una sigaretta e si crede che il mondo e’ suo, non e’ così che si educano le nuove generazioni, dalla scuola alla famiglia bisognerebbe rivedere un po tutto, quando io andavo alle elementari, se la maestra mi bacchettava,se andavo da mia madre a piangere mi dava anche il resto, oggi si va in tribunale, oggi si mangia la merendina, un tempo al massimo una fetta di pane con la Nutella.
Salviamo la nostra nazione, salviamo l’Olio Italiano e tutti  nostri ingredienti, torniamo alla terra.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...