Formaggi Killer

Ho letto questa notizia, non e’ nuovo che in Romania fanno i formaggi dei formaggi, la cosa che mi suona strano pero’ e che la UE non dica nulla, se nn sbaglio la Romania fa parte del gruppo Europeo e quindi come per l’Italia deve stare a a certe regole imposte da Bruxelles, almeno io credo.

Allora la mia domanda sorge spontanea alla Lubrano, queste regole valgono per tutti a solo per alcuni Paesi?

E’ mai possibile che il Parlamento Europeo ci rompi….per cose assurde, tipo che la Piazza non puo’ essere cotta con il forno a legna perche’ cancerogena, e la Romania possa produrre questo schifo per la salute anche di questi stessi Parlamentari Europei.

Un piccola considerazione, non capisco come mai questi prodotti entrano nel mercato comune senza che nessuno controlli,e’ ora che si ritorna alle regole doganali, perche’ a rimetterci non solo e’ la salute ma ci rimettiamo anche di tasca e d’immagine, ricordo che molte aziende produttrici di formaggi hanno le loro fabbriche in Romania e pagate dai contribuenti Italiani, attraverso un ente sotto il controllo del ministero sviluppo.

La Romania è un Paese in cui ancor prima che nasca un vero e proprio giornalismo consumeristico, i giornali arrivano ad offrire ai propri lettori una invidiabile informazione di pubblica utilità, senza stare a pesare quanto e a chi questa possa dar fastidio. Capita in questi giorni che una delle testate rumene più popolari del web, Evz.Ro abbia deciso di vuotare il sacco senza mezzi termini a proposito dei formaggi cosiddetti “fusi” (quelli che da noi chiamiamo “sottilette”, per intenderci, ndr), denunciando una composizione fatta “di latte di scarsa qualità”, di “composti che impediscono la fissazione del calcio nelle ossa” e di “conservanti che possono causare il cancro”.

La testata web rumena mette in guardia i lettori dal nutrirsi e soprattutto dal nutrire i bambini con quel genere di prodotto, definendolo una vera e propria “bomba per l’organismo umano, in grado di alterare gli enzimi e di influenzare il metabolismo della crescita”. Un formaggio prodotto riciclando rimanenze di produzione di altri formaggi, “trasformati a lungo con sali di fusione che contengono composti come citrato e fosfato, ricchi di sale, con concetrazioni pari a tre grammi di sale per cento grammi di prodotto”.

“L’eccesso di sale nei formaggi trasformati”, racconta Evz.Ro, comporta “malattie cardiache e alcuni tipi di cancro”. Per di più, in questo genere di prodotto “la qualità del latte è molto discutibile”; “in pratica si tratta di scarti fusi derivanti da precedenti processi industriali del latte, che nulla hanno a che fare con quello che si possa pensare essere un formaggio”.

Se questo non bastasse, “un altro problema di questo tipo di prodotto”, prosegue il giornale rumeno, “consiste nella grande percentuale di grasso cattivo, responsabile dell’ostruzione delle arterie”.

Leggere le etichette di questi prodotti dovrebbe bastare a starne lontani almeno un miglio: “55% di grassi, acqua, formaggio, latte scremato, 5% di prosciutto (maiale e spezie naturali, sale), conservanti E250, E451 e stabilizzanti E450, antiossidante E361, amido, sale di fusione E452 e E331, E330 correttore di acidità”. “L’E250”, spiega Evz.Ro, “è un conservante che distrugge la microflora dei bambini, può far collassare la loro immunità e indurre un alto rischio di infezioni. Inoltre, i nitriti, una volta nell’organismo, portano alla formazione delle N-nitrosamine, che aumentano il rischio di cancro”.

Secondo un recente studio condotto dalla rumena Anpcpss (Associazione nazionale per la protezione dei consumatori e la promozione di programmi e strategie) questo genere di formaggio può avere sino a tredici additivi.

In un Paese come il nostro, in cui le pubblicità delle “sottilette” imperversano sui grandi media ci appare assai improbabile che un’informazione di tale utilità possa mai raggiungere il grande pubblico. Peccato, perché stando così le cose possiamo intravedere, al di là delle tasche piene per qualche editore, un danno sociale che non potrà che ricadere sulla collettività. Fatta salva quella sottilissima fetta di mercato rappresentato dai consumatori più consapevoli che magari un giorno, qui o su una testata rumena, potranno apprendere di tanto orrore.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...